Technology
Energica è la massima espressione dell’esclusività italiana, magistralmente realizzata nel distretto italiano dei motori: Modena.
Il progetto si è arricchito fin dall’inizio di tutto il know how del Gruppo CRP, dalla direzione tecnica, al supporto ingegneristico fino alla nascita di una linea “premium” di moto elettriche.
L’esperienza che contraddistingue il Gruppo CRP è completamente integrata nel progetto Energica.
Il know-how di CRP nel mondo della F1 e dell’industria aerospaziale, mantengono Energica all’avanguardia e pronta per future innovazioni tecnologiche.
Performance. A green hearth
Il cuore delle moto Energica è un motore sincrono a magneti permanenti raffreddato ad olio.
Il divertimento di guidare una moto elettrica va oltre la sua velocità. La tecnologia è molto più intuitiva; senza trasmissione, cambio o frizione, non c’è bisogno di trovare “la marcia giusta”.
La coppia è sempre al massimo e ci si può concentrare solo sulla guida: accelerazione, curva e frenata. Energica ha portato l’elettrico ad un altro livello!
Batterie
Le moto Energica si avvalgono di una batteria a polimeri di litio ad alta energia (Li-NMC).
La batteria è inserita in un guscio ermetico contenente la celle, il Sistema di Gestione Batterie BMS (Battery Management System) e tutti i dispositivi necessari per garantire la sicurezza del veicolo. Questa soluzione consente di mantenere isolati tutti i componenti ad alta tensione, rendendo di fatto improbabile esporsi a qualsiasi rischio accidentale.
Il battery pack è quindi un dispositivo intelligente, dotato di decine di sensori e dispositivi elettromeccanici che costituiscono un sottosistema chiuso e autonomo in grado di garantire massime prestazioni del veicolo e nel contempo la massima sicurezza del conducente in qualsiasi condizione ambientale
Energica, per ovviare al surriscaldamento delle batterie, ha progettato un sistema di raffreddamento del battery pack che, grazie a specifici percorsi di ventilazione, consente di limitare lo stress delle batterie con notevole beneficio sia in termini di prestazioni del veicolo sia della durata delle batterie stesse.
Energica è l’unica azienda al mondo ad aver progettato, brevettato e adottato questo tipo di tecnologia sulle proprie moto.
VCU. Vehicle Control Unit
Il vero cervello delle moto Energica è la sofisticata VCU. A differenza dei veicoli tradizionali dove le centraline presenti lavorano in maniera separata, sulle moto Energica tutte le centraline della batteria, l’inverter, il caricabatterie e l’ABS sono costantemente monitorati e gestiti da questo gioiello tecnologico completamente studiato e progettato da Energica.
La Vehicle Control Unit implementa un algoritmo di gestione multimappa adattivo dell’energia e della potenza motore. Durante la guida, il sistema regola, in maniera dinamica, la potenza motore in funzione del comando gas, della mappatura scelta e dei parametri operativi della batteria e dei principali componenti del veicolo 100 volte al secondo.
Il controllo gestisce anche il sistema di freno motore rigenerativo, interfacciandosi con il sistema antibloccaggio delle ruote. Questo garantisce un’elevata efficienza nello sfruttamento dell’energia e la piena funzionalità della batteria per l’intera vita del veicolo, ma soprattutto una grande guidabilità.
Il sistema è basato su un’architettura ridondante con doppio microprocessore al fine di garantire i più elevati standard di sicurezza.
È inoltre in grado di monitorare costantemente lo stato della batteria, anche a veicolo spento e chiave rimossa, garantendo la completa copertura della batteria anche in lunghi periodi di stazionamento.
RIDE BY WIRE SYSTEM
Il sistema ride-by-wire di Energica è l’interfaccia diretta tra il pilota e il veicolo. Per questo è stata data molta attenzione allo sviluppo e affinamento di questo dispositivo.
Il comando acceleratore è composto da un potenziometro rotativo e da un microswitch di sicurezza. Il primo rileva il grado di rotazione del comando mentre il secondo viene attivato ogni qual volta viene rilasciato l’acceleratore.
La VCU legge entrambi i segnali con un’architettura ridondante che permette il controllo continuo della coerenza delle misurazioni, garantendo lo stato dell’arte della sicurezza. La VCU utilizza il segnale proveniente dal potenziometro rotativo per comandare la richiesta di coppia al motore (differente risposta in base alla mappatura selezionata dal pilota) mentre il microswitch garantisce la sicurezza in caso di malfunzionamento del comando acceleratore.
Il feeling di guida è garantito da 4 diverse mappature motore (a cui corrispondono diversi valori di coppia massima e diverse risposte dell’acceleratore) e 3 diverse mappature di frenata rigenerativa, oltre la possibilità di disattivarla.
PARK ASSISTANT
Per agevolare il parcheggio e le manovre in pendenza o nel traffico, le moto Energica sono dotate di “PARK ASSISTANT”.
La VCU quindi limita sia la velocità sia la coppia del veicolo. Il PARK ASSISTANT funziona sia in avanti sia in retromarcia con limite di velocità (2.8km/h) e limite di coppia (50Nm). Per entrare in modalità PARK ASSISTANT, è necessario premere “START” per 2 secondi.
Successive pressioni brevi del tasto “START” commutano da indietro ad avanti e viceversa permettendo la veloce inversione di marcia in caso di manovre complicate o da eseguire in mezzo al traffico. Premendo per 1 secondo il tasto “START” a moto ferma si esce dalla suddetta modalità entrando nuovamente in marcia normale.
L’opzione Retromarcia rende il parcheggio delle moto Energica piú facile.
DASHBOARD
Il Dashboard delle moto Energica è costituito da un display a 16.7 milioni di colori a matrice attiva con ottima visibilità.
La soluzione a matrice attiva rende il Dashboard Energica una vera e propria Human Machine Interface.
Questa tecnologia consente di supportare con grande flessibilità il flusso di informazioni e interattività con il sistema veicolo.
Ad esempio è possibile offrire ampi menu di configurazione e di diagnostica utente evoluta di facile comprensione. Inoltre monitora tutte le funzioni e le fasi di utilizzo del veicolo (fase di carica, guida, stand-by, connessione con l’esterno).
Italian Design. Telaio
Le moto Energica hanno uno telaio in acciaio a traliccio, a sezione tubolare, di grande resistenza. Il telaio in acciaio, rispetto all’alluminio, offre una esperienza migliore.
Per anni si è creduto che il telaio in alluminio desse una maggiore “guidabilità”, la ricerca ha scoperto che il telaio in acciaio si comporta come una molla: grazie alla flessibilità del materiale, il telaio assorbe l’energia trattenendola per poi rilasciarla quando non è sottoposto a sforzo.
ABS
L’ABS BOSCH di ultima generazione montato sulle moto Energica, non solo evita il bloccaggio delle ruote ma è dotato di sistema lift-up mitigation per la ruota posteriore che evita il capottamento durante la frenata d’emergenza.
Il conducente attraverso il Dashboard ha la possibilità di inserire e disinserire il sistema ABS in base alle necessità.
eABS
L’eABS di ultima generazione montato sulle moto Energica è in grado di limitare la coppia massima di rigenerazione nel caso di rilevamento di condizioni scivolose.
In particolare il sistema verifica la presenza delle condizioni di attrito e, in caso di rilevamento di condizioni scivolose, limita la coppia massima di rigenerazione in base alla condizione di attrito.
Elettronica: il DNA Energica
Qualsiasi organismo meccanico, elettrico o biologico ha bisogno di istruzioni per poter funzionare. Per gli organismi biologici c’è il DNA e per i software il numero di righe di programma.
Il Software Energica ha raggiunto 1.1M di righe di programma, di cui 645.000 solo della VCU, ben 200.000 in più di uno Space Shuttle!
Ecco un breve schema per comparare questi dati:
Space Shuttle 400000 linee di codice
VCU Energica 645000 linee di codice
Batterio 1000000 linee di codice
Energica Software 1100000 linee di codice
F22 Raptor 1500000 linee di codice
Hubble Space Telescope 1800000 linee di codice